Attualmente sei su:

Fattori di degrado

I FATTORI DI DEGRADO DEL FILM DI VERNICE ALL’ESTERNO
 
La soluzione Remmers: creare uno scudo da acqua e sole e zincare il legno

I fattori principali di degrado della vernice sono rappresentati dagli agenti atmosferici e prevalentemente dall’azione combinata di acqua e sole che possono causare su un serramento di legno danni talvolta anche gravi. Queste le principali problematiche:

  1.  Il distacco della vernice, ovvero lo “sfogliamento” dovuto alla demolizione della lignina
    Per risolvere questo problema con il ciclo Longprotection Plus abbiamo creato uno scudo in grado di proteggere dall’azione di acqua e raggi UV ed al tempo stesso abbiamo creato un sistema di “zincatura del legno” grazie all’utilizzo di uno speciale additivo stabilizzatore di lignina. (fig. 1)
     
  2. L’attacco da parte di funghi dell’azzurramento e della marcescenza
    Nel ciclo Longprotection Plus viene utilizzato un prodotto che contiene una speciale miscela di biocidi certificata contro i funghi dell’azzurramento e della marcescenza e pertanto assicura l’assenza di attacchi biologici sugli infissi. (fig. 2)
     
  3. La formazione di bolle e danni da gelo
    Le nuove finiture della linea Aqua Stopp hanno la massima resistenza all’acqua già a partire da 72 ore dopo la verniciatura. Grazie a questa nuovissima tecnologia si evita quindi il problema della formazione di bolle nel film di vernice soggetto a sollecitazione all’acqua già dopo poche ore dalla verniciatura (fig. 3)
     
  4. La variazione cromatica delle tinte
    I prodotti Remmers sono formulati con pigmenti minerali ed ossidi metallici. La tenuta della tinta pertanto è garantita nel tempo.(fig. 4)
     

 



IL TRATTAMENTO D’IMPREGNAZIONE

Per un buon risultato finale l’importante è iniziare nel migliore dei modi

Un corretto ciclo di verniciatura per finestre inizia sempre con l’applicazione di una mano di impregnante che deve svolgere le seguenti funzioni:

  • offrire una protezione verso i funghi xilofagi
  • stabilizzare e rinforzare i legami della lignina che servono per tenere unite le fibre del legno
  • ridurre l’assorbimento capillare di acqua
  • isolare dagli estrattivi nei cicli laccati chiari
  • tingere il legno nei cicli mordenzati
  • favorire l’ancoraggio della successiva mano di fondo


Nell’illustrazione qui a lato potete vedere come gli impregnanti Remmers applicati ad una molecola di legno svolgono le funzioni precedentemente descritte:

  1.  Strato di biocidi con azione antifungo ad efficacia certificata EN 113 (funghi della marcescenza) ed EN 152 (funghi dell’azzurramento) con una quantità applicata di 120-140 ml/m2.
     
  2.  Microresine che servono per stabilizzare la lignina (Lignostab) ed impedire il fenomeno dello sfogliamento del film di vernice.
     
  3. Resine impermeabilizzanti, che chiudono i pori del legno isolandolo e riducendo così l’assorbimento capillare dell’acqua.
     
  4. Strato superficiale di pigmenti, che contemporaneamente tingono il legno nei cicli mordenzati e favoriscono l’ancoraggio della successiva mano di fondo.

 



IL TRATTAMENTO DI FONDO

In un’unica mano impermeabilizza, isola e garantisce un ottimo riempimento


Dopo la mano di impregnante, se si vuole dare la massima durata al ciclo di verniciatura, si deve sempre applicare una mano di vernice di fondo.La particolare struttura lamellare delle molecole dei fondi Remmers
(5) permette di massimizzare le performance di durata del ciclo grazie alle seguenti caratteristiche:

Massima impermeabilizzazione
Le resine laminari dei fondi Remmers sono molto flessibili e si adattano in maniera perfetta al supporto, garantendo un’ottimale bagnabilità dei pori e la massima impermeabilizzazione dall’acqua anche con un’applicazione in mano unica (fig. 4).
Tale caratteristica è particolarmente importante su legni di latifoglia come rovere, castagno e framirè, dove la difficoltà nel bagnare il poro crea una durata ridotta della vernice.

Massimo isolamento
L’aggiunta di grande quantità di ossido di zinco e ossido di titanio alle efficacissime resine laminari Remmers ad alto riempimento ha permesso di raggiungere grandi prestazioni di isolamento.
Con Remmers è possibile quindi “fare ciò che prima era impensabile”: una laccatura bianca con ciclo completamente all’acqua su legno di Rovere senza la comparsa di macchie di tannino, oppure è possibile laccare in tinta bianca anche i legni resinosi evitando problemi di aloni gialli attorno ai nodi (vedi fig. 5).





 



LA FINITURA REMMERS

Molto di più di un semplice tocco finale: il risultato sarà stupefacente!

La vernice di finitura Remmers è il miglior scudo di protezione degli strati sottostanti dalle sollecitazioni degli agenti atmosferici. Le sue caratteristiche sono:

  1. Massima resistenza all’acqua
    Le nuove molecole Aqua-Stopp Remmers (fig. 6) consentono di ottenere una resistenza all’acqua in tempi estremamente rapidi e di risolvere il problema della formazione di bolle e di danni da gelo. Per via della loro compattezza, dei legami numerosi e reattivi e degli additivi idrofobizzanti, già a partire da 72 ore dall’applicazione si forma una barriera contro le infiltrazioni d’acqua (vedi prova vetro ), che vernici tradizionali presentano solo circa dopo 6 settimane (vedi grafico certificazione SHR - Olanda ).
     
  2. Massima resistenza ai raggi UV
    I filtri UV di ultimissima generazione (Prismolux, fig. 7) che Remmers impiega nelle vernici di finitura si comportano come piccolissimi prismi in grado di scomporre i raggi UV in radiazioni di una ampiezza maggiore ma con meno energia, evitando il problema della perdita di efficacia nel tempo e fornendo, quindi, una protezione di lunghissima durata. Il film pertanto non si irrigidisce, non invecchia, non forma crepe. Un’altra componente importante nella protezione al sole è rappresentata dagli speciali pigmenti a forma conica utilizzati da Remmers, che possono essere inseriti in grande quantità nella vernice fornendo così un’elevata protezione e mantenendo contemporaneamente un’ottima trasparenza.
     
  3. Ridotto inglobamento d’aria
    Una delle caratteristiche particolarmente rilevanti delle finiture Remmers è la capacità di degasazione ovvero la minima tendenza ad inglobare bollicine d’aria nel film. Dal punto di vista pratico questo difetto (vedi fig. 8), risolto dai laboratori Remmers, genera una serie di problemi significativi: perdita di trasparenza, ridotta protezione ai raggi UV, ridotta elasticità e protezione in caso di grandine, ritenzione dello sporco. La pellicola di finitura Remmers priva di inglobamento d’aria rappresenta un’ulteriore garanzia per la durata dei vostri serramenti.